Pneumobase.it
Tumore polmone
Esmr
OncoPneumologia

Impiego dei beta-2-agonisti a lunga azione nel asma


Le nuove linee guida del British Thoracic Society per il trattamento dell’asma raccomandano che i beta-2-agonisti a lunga azione, come Salmeterolo e Formoterolo, vengano impiegati in associazione ai corticosteroidi per via inalatoria.

Inizialmente si dovrebbero somministrare bassi dosaggi ( 200 mcg/die ) dei corticosteroidi ( Beclometasone, Budesonide ) per poi aumentarli fino ad un massimo negli adulti di 800 mcg/die e a 400 mcg/die nei bambini.

In Gran Bretagna l’analisi delle prescrizione ha mostrato che fino al 30% dei pazienti assume il Salmeterolo o il Formoterolo senza assumere in modo concomitante i corticosteroidi.

Viene anche raccomandato di non impiegare il Salmeterolo o il Formoterolo nel trattamento dei sintomi in acuto dell’asma.
In tale circostanza devono essere assunti broncodilatatori a breve azione. ( Xagena2003 )

Fonte:

a) BTS/SIGN , Thorax 2003; 54 ( suppl I ) : i1-i94
b) MHRA


Pneumo2003 Farma2003


Indietro