GSK Infettivologia
Polmoniti comunitarie - Percorso Diagnostico-Terapeutico
Forum Infettivologico
Pneumobase.it

Gravi esacerbazioni d'asma associate all'uso di beta 2 agonisti a breve durata d'azione


Secondo i risultati di uno studio, l'aumento dell'esposizione ai beta 2 agonisti a breve durata d'azione ( SABA ) o ai farmaci di sollievo è apparso associato a un rischio maggiore di gravi esacerbazioni d'asma indipendentemente dall'uso di corticosteroidi per via inalatoria.

La gestione del soccorso / sollievo mediante la monoterapia con farmaci SABA dovrebbe essere evitata.

Ricercatori hanno esaminato i dati di 1.033.564 pazienti nella serie SABINA ( SABa use IN Asthma ) di studi osservazionali, tra cui 10 set di dati nordamericani ed europei.

I pazienti avevano un'età pari o superiore a 12 anni ed erano affetti da asma e a cui erano stati prescritti o possedevano almeno un contenitore di SABA all'anno.
L'età media variava tra i set di dati da 23.2 anni ( coorte Medicaid statunitense ) a 72.2 anni ( coorte Medicare statunitense ), e la maggior parte dei pazienti erano donne ( intervallo tra i set di dati, 55.8%-68.2% ).

Con un punteggio GINA ( Global Initiative for Asthma ) di 1 o 2, il 56.5% dei pazienti soffriva di asma lieve.
Inoltre, al 40.2% dei pazienti erano stati prescritti o possedevano tre o più contenitori di SABA all'anno e solo il 39.2% dei pazienti con punteggi GINA compresi tra 2 e 5 aveva ricevuto una terapia di mantenimento per il 50% o più del tempo.

I pazienti a cui erano stati prescritti o che possedevano uno o due contenitori di SABA all'anno avevano un numero medio numericamente inferiore di gravi esacerbazioni rispetto ai pazienti a cui erano stati prescritti o che possedevano tre o più contenitori all'anno in ogni set di dati tranne uno, con la più grande associazione osservata in Polonia ( rapporto tra tassi di incidenza [ IRR ] = 2.15; IC 95%, 2.01-2.3 ).

L'eccezione era il set di dati basato sui risultati di Medicare, in cui i pazienti a cui erano stati prescritti o che possedevano uno o due contenitori all'anno hanno visto una maggiore incidenza di gravi esacerbazioni rispetto ai pazienti con tre o più contenitori all'anno ( IRR = 0.89; IC 95%, 0.86-0.91 ).

I pazienti che avevano punteggi GINA da tre a cinque e tre o più prescrizioni o possesso di contenitori di SABA all'anno hanno sperimentato esacerbazioni più gravi rispetto ai pazienti con meno contenitori all'anno in tutti i Paesi e set di dati.

Riguardo ai set di dati degli Stati Uniti, i pazienti con punteggi GINA compresi tra due e cinque hanno avuto una maggiore incidenza di gravi esacerbazioni con tre o più versus uno a due contenitori di SABA all'anno ( IRR = 1.23; IC 95%, 1.22-1.24 ) rispetto a quelli con punteggi GINA compresi tra 1 e 5 ( IRR = 1.03; IC 95%, 1.02-1.04 ).

E' stata riscontrata un'associazione tra l'uso di tre o più contenitori di SABA all'anno e una maggiore incidenza di esacerbazioni che richiedevano emergenze, valutazioni dirette con gli operatori sanitari o ricoveri tra i pazienti trattati con SABA in monoterapia negli Stati Uniti ( IRR = 1.31; IC 95%, 1.29-1.34 ).

I risultati dello studio hanno indicato la necessità di una somministrazione di corticosteroidi per via inalatoria, sia come trattamento di mantenimento regolare o intermittente, per affrontare la variabilità dell'infiammazione delle vie aeree nei pazienti trattati con SABA in monoterapia e fornire supporto alla raccomandazione GINA di non distinguere l'asma intermittente dall'asma lieve persistente.

Complessivamente, i ricercatori hanno riscontrato un rischio maggiore di riacutizzazioni gravi del 32.2% ( IRR corretto = 1.32; IC 95%, 1.18-1.49 ) tra i pazienti a cui erano stati prescritti o che possedevano tre o più contenitori di SABA all'anno rispetto a quelli con uno o due contenitori, indipendentemente dall'uso dei corticosteroidi per via inalatoria o altri fattori di rischio di esacerbazione. ( Xagena2022 )

Fonte: The Journal of Allergy and Clinical Immunology: In Practice, 2022

Pneumo2022 Farma2022


Indietro