Pneumobase.it
OncoPneumologia
XagenaNewsletter
Tumore polmone

Effetto di Tralokinumab, un anticorpo monoclonale neutralizzante interleuchina-13, sulla infiammazione eosinofila delle vie aeree nell'asma moderato-grave non-controllato: studio MESOS


Il ruolo dell'interleuchina 13 ( IL-13 ) nell'infiammazione delle vie aeree e nel rimodellamento nell'asma non è ben definito.
Tralokinumab è un anticorpo monoclonale umano che neutralizza l'interleuchina 13.

Si è valutato se Tralokinumab abbia un effetto sull'infiltrazione eosinofila delle vie aeree, sulle concentrazioni di eosinofili nel sangue e nell'espettorato, sull'attivazione degli eosinofili e sul rimodellamento delle vie aeree.

È stato condotto uno studio di fase 2 multicentrico, in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo in 15 Centri nel Regno Unito, Danimarca e Canada.
Sono stati arruolati partecipanti di entrambi i sessi di età compresa tra 18 e 75 anni con asma moderato-grave non adeguatamente controllato per 12 mesi o più, con necessità del trattamento con corticosteroidi inalatori a dose stabile.

I partecipanti sono stati assegnati a caso a ricevere Tralokinumab ( 300 mg ) oppure placebo per via sottocutanea ogni 2 settimane.

L’esito primario era il cambiamento dal basale alla settimana 12 nella conta degli eosinofili della biopsia bronchiale.
Le misure di esito secondario includevano cambiamenti nella conta degli eosinofili nel sangue e nell'espettorato.
Gli esiti esplorativi includevano le concentrazioni di ossido nitrico esalato frazionato ( FENO ) e di IgE ( immunoglobuline E ) nel sangue.
Le analisi di sicurezza sono state eseguite in tutti i partecipanti che hanno ricevuto un farmaco in studio.

Tra il 2015 e il 2017, 224 partecipanti sono stati arruolati e sottoposti a screening. Di questi partecipanti, 79 sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Tralokinumab ( n=39 ) oppure placebo ( n=40 ).

Tralokinumab non ha influenzato significativamente la conta degli eosinofili bronchiali rispetto al placebo alla settimana 12 ( rapporto dell'effetto del trattamento 1.43, P=0.39 ).

Versus placebo, Tralokinumab non ha influenzato significativamente la conta degli eosinofili nel sangue ( rapporto dell'effetto del trattamento 1.21, P=0.055 ) o la conta degli eosinofili nell'espettorato ( 0.57, P=0.63 ), ma la concentrazione di FENO ( 0.78, P=0.023 ) e la concentrazione totale di IgE nel sangue ( 0.86, P=0.014 ) sono state significativamente ridotte.

33 pazienti su 39 ( 85% ) trattati con Tralokinumab e 32 su 40 ( 80% ) trattati con placebo hanno segnalato almeno un evento avverso durante il periodo di trattamento.

Non sono stati osservati decessi in entrambi i gruppi di trattamento.

Gli eventi avversi correlati al trattamento si sono verificati più frequentemente nel gruppo trattato con Tralokinumab rispetto al gruppo placebo ( 11 su 39, 28%, vs 7 su 40, 18% ).

Tralokinumab non ha influenzato significativamente l'infiammazione eosinofila nella sottomucosa bronchiale, nel sangue o nell'espettorato rispetto al placebo, ma ha ridotto le concentrazioni di FENO e le immunoglobuline E.
Questi risultati hanno indicato che l'interleuchina-13 non è cruciale per il controllo dell'infiammazione eosinofilica delle vie aeree nell'asma moderato-grave. ( Xagena2018 )

Russell RJ et al, Lancet Respir Med 2018; 6: 499-510

Pneumo2018 Farma2018


Indietro